Quando fuori città, meditabondo, mi aggiro…

Quando fuori città, meditabondo, mi aggiro
E vado in un cimitero pubblico,
griglie, dissuasori, tomba ornata,
Sotto con cui marcire tutto il capitale morto,
Nella palude fila comunque angusta,
Come ospiti avidi di tabella la povertà,
i commercianti, funzionari mausolei morti,
taglierina Cheap ridicolo venture,
Sopra di loro, le iscrizioni in prosa e in versi
Circa le virtù, di servizio e di rango;
Secondo le vecchie vedove piangenti Roháče amorosa,
Ladri svitato dal pilastri urne,
tombe viscido, che è anche qui
inquilini Zevayuchi a lui in attesa di mattina, -
Questi pensieri mi spaventarono tutti i lead,
Che male è il mio sconforto.
Anche se sputare sì fuggire ...
Ma come può un piacere per me
Autunno volte, la quiete della sera,
Nel cimitero del paese per visitare il ancestrale,
Dove addormentato morto a riposo assoluto.
C'è spazio tombe disadorne;
Queste salite un ladro di colore scuro nella notte;
Nei pressi della pietra secolare, ricoperta di muschio giallo.
Villager passa con la preghiera e con un sospiro;
Al posto scatole di inattività e piccole piramidi,
geni Beznosov, rastrepannыh Harith
Dovrebbe essere ampiamente bare di rovere di importante,
Esitazione e sala da pranzo ...

Vota:
( Nessuna valutazione ancora )
condividi con i tuoi amici:
Alexander Pushkin
Lascia il tuo commento 👇